giovedì 4 febbraio 2021

Giovanni Ibello - Un estratto da Dialoghi con Amin





I.


La poesia è un lunghissimo addio.



III.


La mia estasi rimane
lettera morta sul greto.
Brindo al disamore
al cuore profanato nell'acquaio
agli insetti fulminati nell'insegna.
Ci lega la parola feroce,
una giostra di penombre.
L'incanto di una teleferica,
l'esatto perimetro di un grido.
Tu che muori
in quell'assillo di aranceti
che ritorna.
Era l'affanno antico,
l'anemone del giorno
divelto sopra i silos.


XVI.


io non torno più

Ricavo dai roghi autunnali
un altare di gemme,
È il menhir delle esiliata luna.
Io sono Giovanni
e non ho mai chiesto di essere amato.
L'amore stringe nel seno
la sorte del tuono:
frantumare il vetro dell'esistenza.
Così noi, ebbri di giovinezza
corriamo a perdifiato nell'oltrenero,
succhiamo avidamente
il fuoco rimasto nelle pietre
e brindiamo / all'ombra che fu delle pinete.
Ogni cosa rivela
quel nulla che siamo già stati.
Tutto simula la quiete.
Poco distante, un uomo prende a pugni la rena.
Dice: "Credimi, noi non siamo per rinascere.
Nessun verso sconta la primavera."



Giovanni Ibello,  Dialoghi con Amin