giovedì 5 agosto 2021

Franco Loi: tre poesie da "Aria de la memoria"

 




Lü l'è 'l silensi, e mí ghe parli dâs,
sensa risposta, sensa mai sentí
ch'i fjö che giöga, i rumur luntan,
e l malincunia che vègn de mí.
Che lü me sculta sun sicür, e i man
roben la lüs che per amur l'è lì,
ma vuraría un dí vess mí a scultà,
e mí dàgh lü la lüs e lü lí a dí.


Lui è il silenzio, e io gli parlo adagio, | senza risposta, senza mai sentire | che i ragazzi che giocano, i rumori lontani, | e la malinconia che viene da me. | Che lui mi ascolti sono sicuro, e le mani | rubano la luce che per amore è lì | ma vorrei un giorno essere io ad ascoltare, | e io a dare a lui la luce e lui lì a dire.



***



Pieghi un pú la testa tra i penser
e de luntan me vegn malincunia,
e ridi, 'dasi, sensa sens, ma ridi,
pö vardi 'n arbur che trèma per la mort
che passa rent a mí. L'è 'na busia?
o l'era el vent? Stranier a la mia sort,
e mí a mí nemîs vo lungh la via.


Piego un po' la testa tra i pensieri | e da lontano sopravviene la malinconia, | e rido, adagio, senza senso, ma rido, | poi guardo un albero che trema per la morte | che passa accanto a me. È una bugia? | o era il vento? Straniero alla mia sorte, | e io a me stesso nemico vado lungo la via.



***



Mí vöri, mí de mí, sentím luntan,
che mí stu poch tra mí ma semper föra,
sun là che disi: "Spetta, vu a cercà..."
E, menter mí vu là, luntan, despersa
vegn la speransa mia cume a cercàm,
e mí sun là due Diu me par che spèta
e lü, cun mí, l'è desperâ a truàm...
Mai mí in amur g'û avü tanta passiensa:
sentíss luntan, e cundannâ a cercàm.


Io voglio, io da me, sentirmi lontano, | ché io sto poco tra me ma sempre fuori, | sono là che dico: "Aspetta, vado a cercare..." | E, mentre vado là, lontano, dispersa | viene la speranza mia come a cercarmi, | e io sono là dove Dio sembra aspettarmi | e lui, con me, è disperato a trovarmi... | Mai in amore ho avuto tanta pazienza:| sentirmi lontano, e condannato a cercarmi.