venerdì 9 aprile 2021

Piera Oppezzo: tre poesie da Esercizi d'addio





Tempi di guerra


Quel grigio di giorni d'inverno
quando, sola sulla strada
di un paese sconosciuto,
fissavo le pietre fredde
subito coperte dai miei passi,
pensando ai giochi o ad una favola
per non capire la paura
che mi batteva sulla nuca
e credere colpi di tuono
quei boati fra le valli
che mi toglievano all'infanzia.



***



Sera


Sento come tutto muta
e ancora si converte
in altra luce,
nel traguardo della sera.
Davanti a questa pace
che non ha ragione
a lungo il cuore
resta incerto nella pena
e quasi ha in sé il timore
del riposo e della fede.
Ma è sera, veloce sempre
cresce l'ora e mi convince
del murmure ritorno
d'un ritmo di parole.



***



Perdono


Perdono sempre
alle cose
che si negano a me;
ho pietà
del mio dolore
e così risorge.