venerdì 26 novembre 2021

Alberto Toni: tre poesie da "Non c'è corpo perfetto"



Ho visto dunque l'anima salire,

così, semplicemente, l'acquaviva che a me restituiva

l'arco dei decenni, tramutava, tramuta in una sola volta

e l'infinito in fauci,

sembra niente, un parto e spazio, mi spinge per un po'

in tutte le direzioni.

Dopo, che a mano a mano consideriamo il tempo,

e concluso, qui ancora foglie dentro il mio giardino

e sono sparsi ovunque. Poi sento che cammina,

il tramestio solito alle otto del mattino, si prepara

per andare a lavorare. Esce di casa, tornerà per pranzo,

in cucina, poi ancora là seduta nella stanza. Breve nell'ansia sarà stato

un cenno di stanchezza, ma mai tardi, mai così manifesto da distruggere la vita.




***




Conforto della terra



Mi dà conforto la terra.

non l'abitare, un margine, senza confine

preciso, ma la salute del suolo amico,

tenerci il piede, l'abc dei giorni futuri.

Un dato, un segno raschiato a fondo,

parlarci, come parlo a volte con te,

consumarci i pasti febbrili, tutti

i possibili attraversamenti e tutte

le stagioni.




***




Mi trasfiguro in ossame su una tavola di legno.

Patisco per pietà dei secoli il mio pegno.

Lascia il dolore alle conifere una rima

dentro il tempo che si attorciglia e spazia,

come barca e rifugio: un che di grazia

rinata e d'alto fusto e al cielo e legno

che custodisce gli ori della terra.

prendo di te nel tempo ciò che serra

la vita e il tempo del mio stare,

segreto Il tempo e l'albero nel cavo

mantiene la virtù, l'alta che bella

nel suo marchio ora c'investe e resta.

Senza timore, ma con forza antica

spingiamo avanti i rami, ciò che resta,

luogo, sorgente, spazio tutto in festa.